Blog

Libertà, questa è la Namibia!

Libertà, questa è la Namibia!

LIBERTA’
Il Namib - il nostro deserto vivente che libera la tua anima.
C'è magia in ogni alba, in ogni tramonto e in ogni luna piena che sorge. Niente può eguagliare la sensazione di stupore totale quando ci si sveglia alle prime luci dell'alba, poco prima del sorgere del sole, in tempo per vedere la luna cadere attraverso uno strato di rosa mentre affonda dietro un orizzonte occidentale senza fine. La luna, le stelle, il sole, il vento, la sabbia, il calore, la polvere. Il nostro deserto vivente dona al visitatore tutto questo come momenti per sentire la solitudine.

Per sperimentare un esaltante senso di libertà totale. Essere il primo essere umano a lasciare un'impronta sulla sabbia. Liberatorio.


Raggiungendo il Namib Desert dall'interno, il viaggio inizia con tutte le strade che portano al tramonto. Verso le innumerevoli varianti di una terra antica che si è formata nel corso dei millenni in panorami spettacolari.
L'altopiano centrale, con il suo paesaggio ondulato di montagne e valli, termina su una scarpata da cui scende verso le pianure desertiche che alla fine incontrano l'oceano.  
Quel momento mozzafiato quando si raggiunge la cima del passo Spreetshoogte sulla scarpata, senza aspettarsi quello che si trova davanti e sotto, è impressionante. Al di là, a perdita d'occhio, si trova il più antico deserto del mondo. Non importa quante volte ti sia già stato concesso questo privilegio visivo, indipendentemente dalla stagione, dal tempo o dall'ora del giorno, ti solleva sempre lo spirito e ti fa desiderare di volare come le due aquile residenti.  Certi panorami saranno sempre indimenticabili, un'impronta eterna nell'occhio e nell'anima.
Qualunque sia il percorso che porta dall'altopiano centrale al deserto e al mare, il senso di spazio schiacciante e la distesa della terra e del cielo è schiacciante. Un unico sentiero di ghiaia serpeggia in basso e in lontananza dove scompare all'orizzonte.


Remhoogte Pass oltre il tufo Blässkranz, o Gamsberg Pass prima di attraversare il fiume Kuiseb che separa la sabbia dalla roccia e dalla ghiaia - alla fine c'è lo spazio infinito del deserto. Più a nord, lo Us Pass e il Bosua, con la sua moltitudine di alberi di Cyphostemma dal gambo dorato, conducono a più di 3 milioni di ettari di vastità: il Namib Sand Sea, un patrimonio mondiale.
Seppelliti in questo deserto vivente ci sono i tesori di millenni di processi geologici e più recentemente i resti culturali di antichi popoli che si spostarono attraverso le pianure alcune centinaia di anni fa. Si insediarono brevemente negli affioramenti rocciosi e negli inselbergs che punteggiano le pianure di ghiaia. I loro cerchi di pietra sono sopravvissuti anche al passare del tempo dove l'oceano incontra la terra e dove ancora oggi si trovano grandi colonie di foche, dove sciacallo e iena hanno una relazione simbiotica per rimanere in vita. Dove centinaia di migliaia di uccelli migratori si riproducono nelle zone umide, dove i pellicani sopravvivono sulle isole al largo, dove balene e delfini sono tornati dalla quasi estinzione e vengono avvistati ogni tanto nelle acque fredde e ricche di nutrienti dell'Oceano Atlantico. I 1.570 km di costa della Namibia, dal confine settentrionale a quello meridionale, sono costeggiati da questo deserto. E tutto, tranne le città, è protetto in parchi nazionali.  
Il Namib ha le dune più alte e le gole più profonde, pianure di ghiaia e zone umide piene di uccelli e altre forme di vita. I fiumi effimeri hanno lasciato tracce spettacolari di inondazioni improvvise nel corso dei secoli. Dopo le forti piogge stagionali nell'entroterra, si precipitano ancora inaspettatamente verso ovest. La sensazione onirica delle spiagge nebbiose e delle mattine nebbiose è in netto contrasto con i paesaggi lunari bruciati dal sole e le formazioni rocciose scolpite dagli elementi in forme ultraterrene nell'entroterra.  
 
Niente può preparare i non iniziati alla meraviglia di una notte senza luna sotto le stelle. Guardando le costellazioni dell'emisfero meridionale muoversi lentamente attraverso il suo percorso celeste, diventa evidente il motivo per cui la Via Lattea è chiamata così. Non c'è inquinamento luminoso a rovinare lo spettacolo. Il baldacchino di stelle sembra così vicino che caderci dentro sembra una possibilità surreale.
Dormire sotto la luna piena è un'esperienza altrettanto profonda. O non dormire è più vicino alla verità quando il deserto è ammantato di monotonia mentre ogni caratteristica geografica è visibile. È notte ma non lo è. È buio ma non lo è. C'è luce ma solo un riflesso di essa. È come se gli animali della pianura e gli insetti, i gechi e gli uccelli fossero altrettanto ipnotizzati. Anche il silenzio della notte ha un suono diverso nelle notti di luna.
Piante, animali e innumerevoli altre specie viventi sono sopravvissute, si sono evolute e hanno prosperato nelle dure condizioni del deserto per millenni. A causa del suo clima straordinario, il deserto vivente è l'unico posto sulla terra dove si trova una moltitudine di queste specie e dove sopravvivono perché il deserto le protegge.
Gli animali adattati al deserto hanno la libertà di seguire antiche rotte migratorie dalle montagne alle pianure in cerca di pascolo e acqua. I fiumi effimeri che tagliano il deserto e poi scompaiono nella sabbia sono una fonte di cibo vitale per gemsbok, springbok, zebra, giraffa, struzzo, elefante, sciacallo, duiker, steenbok, leone, leopardo, iena, facocero, babbuino, tasso e mangusta. Questa lista di abitanti del deserto non è quasi completa e la meraviglia del meccanismo unico di sopravvivenza di ognuna di queste creature rende un viaggio di scoperta.
Le prove dei tentativi di sviluppo umano falliti negli anni precedenti sono ancora visibili in luoghi lungo la costa. Prima che il deserto si riprendesse il suo, o che le ricchezze fossero trovate altrove. I resti di tali follie e tentativi sono diventati reliquie sentimentali che vale la pena visitare. Se non altro per mostrare che noi umani dobbiamo ancora imparare a camminare con leggerezza. Utilizzare le risorse naturali ma mantenere l'equilibrio ecologico e preservare ciò che non potrà mai essere sostituito.


Il Namib è il più antico deserto della terra: 43 milioni di anni, e almeno 2 milioni nella sua forma attuale. Si estende lungo tutta la costa namibiana dal confine con il Sudafrica a sud fino all'Angola a nord. Nel suo punto più stretto è di 25 km nella sezione della Skeleton Coast e nel suo punto più largo di 180 km nel Namib-Naukluft National Park. I 3 milioni di ettari nel cuore del Namib sono stati proclamati patrimonio mondiale dell'UNESCO nel 2012 perché è un "luogo sulla Terra con un eccezionale valore universale per l'umanità da proteggere per le generazioni future per apprezzare e godere". L'84% di questo sito è un mare di sabbia che protegge 300 specie endemiche di animali, insetti e piante adattate al deserto. Non c'è un posto come questo in nessun'altra parte del pianeta.
Gli alberi non sono abbondanti nel Namib, tranne che lungo i fiumi effimeri e sulle pianure di ghiaia, dove perseverano contro ogni probabilità in condizioni così aride. Gli alberi di Moringa (in questa fotografia), i loro tronchi nodosi a causa del duro ambiente, crescono in scenari pittoreschi sulle pianure di ghiaia e sulle montagne del Namib-Naukluft National Park. Gli alberi di spine di cammello sopportano il calore e la siccità grazie alle loro profonde radici e spesso servono come siti di nidificazione per gli avvoltoi dal muso lappato. Le piante del deserto si sono adattate per affrontare il caldo torrido dell'estate e i lunghi periodi di tempo con poca o nessuna pioggia. Ogni prezioso albero fornisce piccoli ecosistemi dove sopravvivono molte creature.
È quasi impensabile che questo bel posto sia stato scoperto poco più di cento anni fa e che sia diventato una popolare attrazione turistica solo pochi decenni fa. C'è qualcosa nella libertà di scalare le alte dune, scivolare giù per la parete scivolosa o vagare nella sabbia sapendo che la tua impronta sarà probabilmente spazzata via in poco tempo non appena il vento si alza, lasciando la sabbia liscia e la zona che sembra di nuovo un luogo inesplorato. Ora una delle attrazioni naturali più visitate in Namibia, Sossusvlei è raramente deserta, ma il senso di spazio travolgente rimane.
La Namibia ha 676 specie di uccelli. Alcune sono endemiche o quasi endemiche. Per sfruttare al massimo l'abbondanza di uccelli in diversi biomi, e per avere le migliori possibilità di identificare gli endemici, unisciti a un tour con un esperto di birdwatching ben addestrato. Non sarà difficile riconoscere i fenicotteri, le graziose ballerine della costa namibiana. Guardateli volare in bellissimi stormi o vedere decine di migliaia di loro che si nutrono nelle zone umide di importanza internazionale - nella laguna di Walvis Bay e a Sandwich Harbour, due dei siti Ramsar della Namibia. I fenicotteri si riproducono nell'Etosha, anch'esso un sito Ramsar, nel Nyae Nyae Pans in Khaudum e nel Sua Pans in Botswana, quando questi pans hanno acqua. Come fanno a sapere quando ciò accade è un altro miracolo della natura.
Appena a sud delle saline di Walvis Bay (in questa fotografia) si trova Sandwich Harbour. La laguna naturale, una volta un porto per le baleniere a causa della sorgente d'acqua dolce che alimenta una parte della zona umida, fa parte della riserva marina della Namibia. Immaginate un luogo che ospita da 75 000 a 400 000 uccelli acquatici, protegge più di 50 specie di uccelli e fornisce un rifugio perfetto per la deposizione delle uova dei pesci. Fai una gita di un giorno da Walvis Bay, sali sulla duna più alta e guarda giù su un santuario per gli uccelli marini e costieri migratori. Ancora meglio, fai un volo panoramico per vedere la bellezza e la grandezza di questo fenomeno naturale.


Con l'erba dorata sulle pianure di ghiaia, che cresce contro le dune rosse e ai piedi degli affioramenti rocciosi, il Namib sembra un campo di mais dorato dopo le piogge eccezionali durante i cosiddetti cicli umidi nel deserto. Gli animali che normalmente migrano più all'interno verso le montagne per trovare pascoli migliori e fonti d'acqua, rimangono nel deserto in quei periodi di abbondanza. Grandi mandrie di zebre, springbok e gemsbok si muovono attraverso l'ampia distesa del Namib tra le pianure di ghiaia e la sabbia, attraverso i letti dei fiumi secchi e nelle valli sotto la scarpata.
La Namibia è il primo paese africano ad avere tutta la sua costa di 1.570 km protetta in parchi nazionali. Combinati, questi parchi sarebbero il più grande parco dell'Africa e il sesto più grande del mondo. L'area marina protetta lungo la costa copre un milione di ettari dell'Oceano Atlantico, comprese piccole isole, isolotti e rocce. Il Namib è un deserto vivente grazie alla fredda (14-20°C) corrente del Benguela, ricca di nutrienti, che scorre verso nord da Cape Point, e alla nebbia che produce cinque volte più umidità della pioggia nelle parti centrali del deserto. La pioggia è inferiore a 20 mm all'anno o nulla, ma la nebbia si sposta dalla costa e deposita la sua umidità vitale fino a 50 chilometri nell'entroterra.


Il luogo più fotografato della Namibia. Teatrale, drammatico, atmosferico, fotogenico con le dune rosso ocra contro il cielo blu, e gli scheletri di alberi morti incisi graficamente sull'argilla bianca secca della padella. Si stima che questi alberi siano cresciuti lì circa 800 anni fa e siano sopravvissuti per tre secoli prima che il clima cambiasse, il deserto diventasse più caldo e la falda acquifera scendesse così in basso che tutti gli alberi morirono. Ciò che è rimasto è lo sfondo perfetto per i visitatori per immortalarli in foto.

 

ARTICOLO ORIGINALE: https://www.thisisnamibia.com/liberating/

Salva
Cookies: preferenze dell'utente
Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito web. Se rifiuti l'uso dei cookie, questo sito Web potrebbe non funzionare come previsto.
Accetta tutti
Rifiuta tutti
Info
Marketing
Insieme di tecniche che hanno per oggetto la strategia commerciale ed in particolare lo studio del mercato.
Facebook
Concordo
Decline
Analytics
Strumenti utilizzati per analizzare i dati per misurare l'efficacia di un sito web e per capire come funziona.
Google Analytics
Concordo
Decline
Unknown
Unknown
Concordo
Decline